Installare XAMPP su Ubuntu

Chiunque voglia iniziare a studiare la programmazione web deve affrontare lo step iniziale di creare un ambiente server all’interno del proprio computer. Ciò spesso vuol dire dover installare e configurare un server Apache, l’interprete PHP e un DBMS per gestire un database.

L’installazione di questi programmi non è di per se difficoltosa ma può richiedere un quantitativo considerevole di tempo e può causare qualche grattacapo agli utenti meno esperti. Proprio per far fronte all’esigenza di avere un ambiente di sviluppo web facile e veloce è nato il software open-source XAMPP.

XAMPP è una distribuzione di Apache completamente gratuita e semplice da installare, contenente MySQL, PHP e Perl.

– sito web di Xampp

Proprio per la sua semplicità di installazione e utilizzo XAMPP è la soluzione software che di solito si consiglia a chiunque voglia avvicinarsi alla programmazione web tramite PHP.

Per chi preferisce il video alla lettura del post

Installazione

La prima cosa da fare, naturalmente, è scaricare il pacchetto di installazione dal sito web ufficiale di XAMPP:

https://www.apachefriends.org/it/index.html

Oppure scaricandolo dal terminale con il comando:

wget "https://downloadsapachefriends.global.ssl.fastly.net/7.4.3/xampp-linux-x64-7.4.3-0-installer.run"

Per procedere all’installazione del pacchetto appena scaricato devi prima di tutto fornirgli i permessi di esecuzione. Puoi farlo aprendo il terminale e, spostandoti nella cartella che contiene il pacchetto, digitando:

chmod +x ./xampp-linux-x64-7.4.3-0-installer.run 

NOTA: nel momento in cui scrivo, l’ultima versione di XAMPP disponibile è la 7.4.3-0. Quando verranno rilasciate versioni aggiornate dovrai cambiare il comando inserendo numero della versione che andrai ad utilizzare.

A questo punto sei pronto per avviare l’installazione vera e propria del programma tramite il seguente comando di terminale:

sudo ./xampp-linux-x64-7.4.3-0-installer.run 

Si aprirà una finestra con uno wizard di installazione grafico in cui, per terminare l’installazione, ti sarà sufficiente premere sempre il pulsante avanti.

NOTA: ad un certo punto ti verrà chiesto se vuoi avere maggiori informazioni su bitnami per XAMPP, se non sei interessato puoi tranquillamente levare la spunta dalla checkbox.

Installazione di XAMPP su Ubuntu

Terminata l’installazione, se hai lasciato la spunta su “Launch XAMPP” ti verrà aperta una finestra con il pannello di controllo del programma.

Pannello di controllo di XAMPP

Dal pannello di controllo di XAMPP, andando sulla scheda “Manage Servers” puoi verificare lo stato dei vari servizi che compongono il programma e, nel caso in cui non lo fossero già, avviarli.

Per verificare che il programma stia funzionando correttamente ti basta provare la connessione al server appena creato aprendo un browser e visitando l’indirizzo:

http://localhost/

Se tutto ha funzionato correttamente verrai accolto dalla pagina di benvenuto di XAMPP.

Pagina di benvenuto di XAMPP

Come avviare e arrestare XAMPP

Sfortunatamente l’installer di XAMPP non genera automaticamente un lanciatore per avviare il programma dall’elenco dei software installati. Di conseguenza per avviare XAMPP bisogna ricorrere al terminale utilizzando uno dei seguenti due modi:

  • con il comando sudo /opt/lampp/lampp start che avvierà automaticamente tutti i servizi di XAMPP senza passare per il pannello di controllo grafico.
  • oppure avviando il pannello di controllo utilizzando il comando sudo /opt/lampp/manager-linux-x64.rune poi avviare i servizi di XAMPP dalla scheda “Manage Servers”

Analogamente, per arrestare XAMPP una volta terminato il lavoro, puoi usare uno dei seguenti due modi:

  • con il comando sudo /opt/lampp/lampp stop
  • usando il pannello di controllo di XAMPP, arrestando i servizi manualmente dalla scheda “Manage Servers”

Creazione di una nuova pagina web

Per creare una nuova pagina web da servire mediante il server XAMPP basta creare un nuovo file all’interno della cartella /opt/lampp/htdocs.

Di default questa cartella non è scrivibile dall’utente corrente in quanto appartenente all’utente e al gruppo root.

Per aggiustare i permessi in modo che l’utente corrente possa scrivere all’interno di questa cartella senza che sia necessari utilizzare sudo ogni volta basta usare il seguente comando da terminale:

 sudo chown -R USER_NAME:GROUP_NAME /opt/lampp/htdocs/

Rimpiazzando USER_NAME e GROUP_NAME con il tuo nome utente. Per sapere qual’è il tuo nome utente puoi usare il comando whoami mentre per sapere il nome del gruppo puoi usare il comando id -gn.

Ad esempio nel mio caso sia il nome utente che il nome del gruppo sono esattamente lorenzo per cui il comando che ho digitato è stato:

sudo chown -R lorenzo:lorenzo /opt/lampp/htdocs/

A questo punto, per verificare che tutto funzioni correttamente puoi creare una nuova cartella chiamata test all’interno di /opt/lampp/htdocs/. Per creare la prima pagina web crea un nuovo file chiamato index.html all’interno della cartella e digita all’interno il seguente contenuto:

<html>
<h1>Hello world from XAMPP!</h1>
</html>
Creazione della prima pagina web

A questo punto, se tutto avrà funzionato correttamente, navigando all’indirizzo http://localhost/test/ verrà servita del server web la tua pagina web appena creata.

La prima pagina web servita direttamente da XAMPP

Se questo post ti è stato utile puoi farmelo sapere lasciando un commento qui sotto oppure scrivendomi direttamente a t.me/lorenzomillucci.
Inoltre ti invito ad iscriverti al mio canale Telegram e a seguirmi su Twitter per non perderti nemmeno un post del mio blog. A presto!

Software engineer presso Slope.
Appassionato di videogame, nel tempo libero mi diletto a scrivere su questo blog.
Per non perderti nemmeno un post puoi seguirmi su Telegram!

9 risposte a “Installare XAMPP su Ubuntu”

  1. Ciao Lorenzo,
    ho installato da poco Ubuntu su un computer “muletto”, ho installato correttamente XAMPP, ma nel momento in cui cerco di avviare apache, non mi parte e nel log del manager di xampp mi dice started ma non é vero. Hai idea di come posso fare ?
    Grazie mille.

      1. se vado nell’XAMPP manager ad avviare APACHE, diventa giallo e poi torna rosso.
        se provo ad entrare in localhost/ mi presenta una pagina con l’header :
        “Apache2 Ubuntu Default Page”
        ed il logo di Ubuntu

        1. Possibile che tu abbia installato apache nel tuo PC al di fuori di XAMPP? E che quindi quando XAMPP prova a lanciare una nuova istanza di apache trova la porta occupata e non riesce ad avviarlo.
          Prova a dare dal terminale systemctl status apache2 e vedi se ti dice che apache è in esecuzione

          1. pache2.service – The Apache HTTP Server
            Loaded: loaded (/lib/systemd/system/apache2.service; enabled; vendor prese>
            Active: active (running) since Wed 2020-06-24 08:53:01 CEST; 3h 29min ago
            Docs: https://httpd.apache.org/docs/2.4/
            Main PID: 1031 (apache2)
            Tasks: 7 (limit: 8999)
            Memory: 27.0M
            CGroup: /system.slice/apache2.service
            ├─ 1031 /usr/sbin/apache2 -k start
            ├─ 1046 /usr/sbin/apache2 -k start
            ├─ 1047 /usr/sbin/apache2 -k start
            ├─ 1048 /usr/sbin/apache2 -k start
            ├─ 1049 /usr/sbin/apache2 -k start
            ├─ 1050 /usr/sbin/apache2 -k start
            └─25222 /usr/sbin/apache2 -k start

            giu 24 08:52:43 antonio-HP-255-G1 systemd[1]: Starting The Apache HTTP Server…
            giu 24 08:53:01 antonio-HP-255-G1 apachectl[900]: AH00558: apache2: Could not r>
            giu 24 08:53:01 antonio-HP-255-G1 systemd[1]: Started The Apache HTTP Server.

          2. Come pensavo. Devi decidere se vuoi che sia XAMPP a gestire apache o la versione che hai installato tu. Se vuoi che si occupi XAMPP di gestire apache puoi rimuovere quello che hai installato nel computer oppure devi interrompere ogni volta l’apache locale con sudo service apache2 stop e poi avviare XAMPP.

          3. Ok grazie mille. sono abituato a XAMPP e penso che disattiverò ogni volta quello di Ubuntu a meno che non sia disinstallabile.

            Intanto grazie mille sei stato molto gentile e preciso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *