Politica? Da oggi no grazie

Una volta sentii dire ad un professore: “se vuoi rovinare un pranzo tra amici inizia a parlare di politica“.

Ed effettivamente nel tempo ho potuto provare sulla mia pelle come anche le più piccole divergenze su questioni politiche di marginale importanza possano facilmente incendiarsi diventando discussioni dai toni molto accesi.

Probabilmente doveva vederla in modo simile anche Jason Fried (CEO del famosissimo strumento per la gestione di progetti Basecamp) quando la settimana scorsa ha scritto nel suo blog che la nuova filosofia aziendale avrebbe proibito (tra le altre cose) di parlare di situazioni sociali e di politica all’interno dei canali di comunicazione aziendali. E se già questo aveva causato malumori, a gettare ulteriore benzina sul fuoco è stata la decisione di offrire delle generose liquidazioni a chiunque non fosse stato d’accordo con la nuova dottrina aziendale.

Cosa poteva mai andare storto?

Quello che sulla carta doveva essere un banale tentativo di rendere più piacevole l’ambiente di lavoro si è dimostrato però essere disastro.

Nel corso del weekend circa un terzo dei dipendenti ha infatti deciso di non voler aderire alla nuova filosofia aziendale e quindi di abbandonare l’azienda accettando la liquidazione proposta.

Ora io non so se questa fuga di personale sia stata causata principalmente dal divieto di parlare di politica o se invece la causa principale sia stata la generosità delle liquidazioni proposte dall’azienda. Quello che posso dire è che se io mi fossi trovato in una situazione del genere non avrei apprezzato il modo autoritario con cui è stata comunicata la cosa.

Se infatti sono favorevole alla moderazione dei contenuti all’interno delle chat aziendali, quello che trovo poco simpatico è il fatto di non voler prendersi responsabilità coprendosi gli occhi difronte a certi temi. Io infatti credo che ognuno debba essere libero di poter dire ciò che pensa prendendosi la propria responsabilità se quello che scrive (o dice) è offensivo o se la discussione degenera in lite.

Al di là delle mie opinioni personali, quello che penso è che tutta la questione poteva essere risolta semplicemente invitando tutti a tenere un clima di rispetto e di cortesia all’interno delle chat aziendali senza calare un’imposizione dall’alto. Senza dover rendere pubblica la questione con un blog post.


Grazie per aver letto questo articolo della rubrica Input/Output.
Ad ogni input, tipicamente, corrisponde un output. E solo esponendosi ad input diversi si possono tirare fuori idee non convenzionali. Proprio per questo ogni martedì prendo in input una curiosità legata al mondo tecnologico per tirare fuori nuove idee in output.

Fonte

Software engineer presso Slope.
Appassionato di videogame, nel tempo libero mi diletto a scrivere su questo blog.
Per non perderti nemmeno un post puoi seguirmi su Telegram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *