Aggiungere un podcast a Google Podcast Manager

Google podcast in esecuzione

Informazioni strategiche per far crescere il tuo podcast

Google Podcast Manager

Qualche tempo fa avevo parlato di come fare per indicizzare un podcast su Google, oggi invece ti voglio spiegare come visualizzare ed analizzare le statistiche degli ascoltatori del podcast provenienti da Google.

I principali dati che Google Podcast Manager raccoglie sono:

  • il numero di ascolti per programma e puntata,
  • il numero di ascolti per segmento di puntata,
  • la percentuale di ascolto per ogni puntata.

Per iniziare a raccogliere questi dati la prima cosa da fare è collegarsi al sito https://podcastsmanager.google.com e rivendicare il possesso del nostro podcast attraverso i 4 passaggi che Google mette a disposizione.

Passaggio 1 – inserire il feed RSS

Come primo passaggio ci viene chiesto l’indirizzo del feed RSS del podcast che vogliamo monitorare.

Ad esempio, se utilizzi Spreaker, per trovare l’indirizzo del feed RSS ti basta aprire la pagina del podcast e copiare l’indirizzo indicato tramite l’icona arancione vicino a quella dei social.

Esempio: ottenere l’indirizzo del feed RSS di un podcast su Spreaker trmite l’icona arancione

Una volta copiato l’indirizzo puoi tornare su Podcast Manager ed inserirlo.

Inserimento del feed RSS su Google Podcast Manager

NOTA: se nel momento in cui invii il feed ricevi il messaggio d’errore Questo programma non è al momento disponibile su Google significa che il tuo podcast non è stato ancora aggiunto a Google Podcast, per farlo ti rimando a questa guida.

Passaggio 2 – Verifica dei dati

Anteprima del feed appena inserito

Passaggio 3 – Verifica della proprietà

Per verificare la proprietà del podcast Google invierà una mail con un codice

Passaggio 4 – Proprietà verificata

Proprietà verificata con successo

Perché questi dati sono importanti?

Il mondo del podcasting sta esplodendo è sempre più content creator annunciano la pubblicazione di un podcast. In un contesto del genere è fondamentale catturare e mantenere l’attenzione del pubblico e per farlo è necessario capire esattamente chi ti ascolta, quando ti ascolta e con quale dispositivo.

Proprio per questo Google ha lanciato Podcast Manager che permette di raccogliere in un unico punto le statistiche sulla fidelizzazione del pubblico tramite il numero di puntate riprodotte, il tempo cumulativo di riproduzione e la percentuale di completamento di ogni singolo episodio. Con questi dati capire in quali punti gli ascoltatori interrompono l’ascolto o quali sono le parti maggiormente apprezzate non sarà un problema.

Inoltre grazie al grafico con il numero di ascolti per giorno ti sarà facile capire qual è il momento migliore per pubblicare l’ultimo episodio del podcast.

Infine, grazie al report che mostra su quale dispositivo il tuo podcast viene riprodotto, potrai individuare subito se ti stai rivolgendo ad un pubblico che ascolta le tue puntate in mobilità utilizzando uno smartphone o se invece i tuoi ascoltatori preferiscono la comodità della casa ascoltandoti da uno smart-speaker.


Se questo post ti è stato utile puoi farmelo sapere lasciando un commento qui sotto oppure scrivendomi direttamente a t.me/lorenzomillucci.
Inoltre ti invito ad iscriverti al mio canale Telegram e a seguirmi su Twitter per non perderti nemmeno un post del mio blog. A presto!

Software engineer presso Slope.
Appassionato di videogame, nel tempo libero mi diletto a scrivere su questo blog.
Per non perderti nemmeno un post puoi seguirmi su Telegram!

Analisi delle performance di Webpack

Tempo di bundling di webpack

Non c’è niente di più noioso che dover aspettare che il compilatore termini il proprio lavoro.

Chiunque programmi per applicazioni per il web con buona probabilità avrà avuto il piacere di imbattersi in Webpack. Webpack, grazie alla sua flessibilità e all’enorme quantità di loader e plugin disponibili, è diventato lo standard per la creazione di bundle di asset JS e CSS.

La creazione dei bundle tipicamente non richiede più di qualche secondo per essere completata ma al crescere del numero di asset il tempo necessario a terminare il processo può crescere notevolmente. Ad esempio, nel caso del backoffice di Slope, la creazione dei bundle era arrivata a superare il minuto. Decisamente troppo.

In questo articolo voglio raccontarti come ho migliorato le performance di Webpack utilizzando vari accorgimenti.

Source: https://xkcd.com/303

Ottimizzazione

Per ottimizzare i tempi di build, la documentazione di Webpack, riporta:

Use the latest webpack version. We are always making performance improvements.  […] Staying up-to-date with Node.js can also help with performance. On top of this, keeping your package manager (e.g. npm or yarn) up-to-date can also help. Newer versions create more efficient module trees and increase resolving speed.

documentazione di Webpack

Sulla base di quanto suggerito dalla documentazione ho deciso di provare, utilizzando il backoffice di Slope come benchmark, quale fosse l’impatto dovuto a:

  • Aggiornamento di Webpack dalla versione 3 alla versione 4
  • Avanzamento di Yarn dalla versione 1.19.0 alla versione 1.22.0
  • Avanzamento della versione di Node dalla 8.16.0 alla 12.11.1

Metodo di prova

La prova è stata eseguita su di un PC con le seguenti caratteristiche tecniche:

ProcessoreIntel(R) Core(TM) i5-7600 CPU @ 3.50GHz × 4
Memoria16384 MB (DDR4)
DiscoSamsung SSD 850 (250GB)
Scheda graficaRadeon RX 580 Series (POLARIS10, DRM 3.33.0, 5.3.0-40-generic, LLVM 9.0.0)
OSUbuntu 18.04.4
Kernel5.3.0-40-generic (x86_64)

Le performance sono state misurate utilizzando il BackOffice di Slope. Il progetto è basato su Symfony 4.2.8 e contiene al suo interno circa 190 file Javascript/Typescript e circa 60 file CSS/SCSS.

Per verificare le performance è stato misurato il tempo necessario alla creazione dei bundle nelle seguenti condizioni:

  • configurazione con Webpack 3, Yarn 1.19.0, Node 8.16.0
  • configurazione con Webpack 4 , Yarn 1.19.0, Node 8.16.0
  • configurazione con Webpack 4 , Yarn 1.22.0, Node 8.16.0
  • configurazione con Webpack 4 , Yarn 1.19.0, Node 12.11.1
  • configurazione con Webpack 4 , Yarn 1.22.0, Node 12.11.1

Per ogni configurazione è stata eseguita una prima prova per fare il warm-up della cache (prova 0) e una serie di 10 build consecutive.

Build di development

Come prima prova ho analizzato il tempo necessario ad eseguire la build di development. Nella configurazione di Webpack di sviluppo è abilitata la creazione delle sourcemaps e il linting del codice JS/TS mentre è disattivata la minificazione del codice.

Webpack 3Webpack 4Yarn 1.22.0Node 12.11.1Node 12.11.1 + Yarn 1.22.0
Prova 050,1421,7221,8219,5119,35
Prova 150,4418,4618,8015,9715,82
Prova 250,7018,3915,5615,7615,78
Prova 350,1718,9718,7515,8515,68
Prova 449,1218,6817,7815,9515,63
Prova 550,2818,5718,7815,8915,81
Prova 650,5618,4118,4915,7815,70
Prova 749,3719,0619,9515,9515,86
Prova 849,4219,9518,8815,9415,76
Prova 950,3516,6218,8816,0315,95
Prova 1050,5018,6718,8015,8715,68
Esecuzione delle prove di compilazione nelle varie configurazioni. Tempi in secondi.
Tempo di build nelle varie configurazioni (minore è meglio)
Webpack 3Webpack 4Yarn 1.22.0Node 12.11.1Node 12.11.1 + Yarn 1.22.0
Media50,0618,7819,0716,2316,09
Media (esclusa prova 0)50,0918,4818,7715,9015,77
*Tempi in secondi

Dall’analisi dei risultati si nota chiaramente come il solo passaggio da Webpack 3 a Webpack 4 riduca notevolmente il tempo di creazione della build (circa il 60% in meno!).
Analizzando le performance con Webpack 4 invece è possibile notare come l’effetto del singolo avanzamento di versione di Yarn introduca un trascurabile peggioramento delle performance mentre l’effetto dell’aggiornamento di Node da solo introduca una riduzione dei tempi di build di circa il 10%.

Trovo molto interessante notare anche il fatto che, mentre il singolo aggiornamento di Yarn sembri peggiorare le performance, l’utilizzo congiunto delle ultime versioni di Node e Yarn faccia perdere alla build qualche frazione di secondo sul tempo di esecuzione.

Build di produzione

Nella seconda configurazione di prova ho utilizzato la build di produzione di Webpack. In questa configurazione sono disattivati i processi di linting del codice JS/TS e la creazione delle sourcemaps mentre invece risulta attiva la fase di minificazione del codice.

Webpack 3Webpack 4Yarn 1.22.0Node 12.11.1Node 12.11.1 + Yarn 1.22.0
Prova 076,3537,5336,5632,5632,73
Prova 174,6920,8220,7718,3618,21
Prova 275,7820,7820,8618,3618,12
Prova 373,5320,7720,7918,2818,15
Prova 473,6320,6320,5618,1918,08
Prova 572,0020,8420,9118,3018,13
Prova 672,3721,0720,8318,5118,17
Prova 773,4020,9720,8018,2518,15
Prova 874,2321,0220,9618,6918,16
Prova 973,9520,8720,8218,8018,12
Prova 1073,0821,0921,0018,3718,14
Esecuzione delle prove di compilazione nelle varie configurazioni. Tempi in secondi.
Tempo di build nelle varie configurazioni (minore è meglio)
Webpack 3Webpack 4Yarn 1.22.0Node 12.11.1Node 12.11.1 + Yarn 1.22.0
Media73,9922,5322,3919,7119,47
Media (esclusa prova 0)73,6720,8920,8318,4118,14
*Tempi in secondi

Anche in questo caso il passaggio da Webpack 3 a Webpack 4 si conferma come il miglior investimento per abbattere i tempi di esecuzione della build (circa il 70% in meno).
Contrariamente alla build di development l’accoppiata Webpack 4 + Yarn 1.22.0 non peggiora le performance ma il guadagno di tempo risulta essere praticamente trascurabile (-0,27% escludendo la prova 0). Anche in questo caso l’avanzamento di versione di Node invece permette di migliorare le performance di un ulteriore 10% rispetto ai tempi di Webpack 4.

Anche in questo caso l’aggiornamento combinato di Webapack 4, Node 12.11.1 e Yarn 1.22.0 permette di guadagnare una manciata di secondi sul tempo di build.

Conclusioni

Le prove eseguite sembrano confermare esattamente quanto riportato dalla guida di Webpack. Il miglior investimento possibile per migliorare le performance della build di Webpack è quello di utilizzare sempre la versione più recente del tool.

Una volta aggiornato Webpack all’ultima versione, dovendo scegliere se aggiornare Node o Yarn non c’è dubbio che la scelta migliore sia quella di investire tempo nell’aggiornamento di Node (guadagnando circa un 10% di tempo in meno).

Solo in ultima istanza conviene aggiornare Yarn il cui effetto sui tempi di build risulta essere praticamente trascurabile.

Come ultima nota c’è da considerare che lo sforzo necessario ad ogni aggiornamento è direttamente proporzionale al guadagno ottenuto. Mentre aggiornare Yarn non richiede più di qualche minuto, aggiornare Node e soprattutto Webpack può richiedere più di qualche ora.


Se questo post ti è stato utile puoi farmelo sapere lasciando un commento qui sotto oppure scrivendomi direttamente a t.me/lorenzomillucci.
Inoltre ti invito ad iscriverti al mio canale Telegram e a seguirmi su Twitter per non perderti nemmeno un post del mio blog. A presto!

Software engineer presso Slope.
Appassionato di videogame, nel tempo libero mi diletto a scrivere su questo blog.
Per non perderti nemmeno un post puoi seguirmi su Telegram!